La Passata Mutti

La Passata Mutti si distingue per il suo colore rosso vivo, la densità cremosa, il gusto intenso e dolce e per l'assenza totale di bucce e semi.

È semi-pronta all'uso perché è già cotta e salata, e necessita soltanto di essere saltata in padella e aromatizzata a proprio piacimento prima di essere utilizzata.

È ideale per tutte le preparazioni in cui il sapore del pomodoro è predominante, come i sughi rossi, oppure nei piatti più complessi come culis e gelatine.

Ingredienti

  • Pomodoro 99,5%
  • Sale

Valori nutrizionali medi per 100 g

Energia: 149 KJ – 36 Kcal
Grassi: < 0,5 g
di cui acidi grassi saturi: < 0,1 g
Carboidrati: 5,1 g
di cui zuccheri: 4,5 g
Proteine: 1,6 g
Sale: 0,5 g

Una volta aperto, conservare in frigorifero e consumare entro 5 giorni

Il plus della Passata Mutti

Dolce e cremosa

Il cuore del processo di trasformazione è la fase di estrazione e di concentrazione del succo, grazie alla quale si ottiene una passata dalla cremosità e dalla dolcezza inconfondibili.

Provati con voi

Da sempre, scegliamo e lavoriamo con cura i pomodori alla base dei nostri prodotti, investendo con costanza nell’innovazione.
Abbiamo chiesto agli esperti del mestiere di assaggiare il nostro pomodoro, di testarlo nei loro piatti. Il nostro primo incontro si è tenuto presso la sede del Politecnico del Commercio e del Turismo (CAPAC) di Milano nel periodo compreso tra ottobre e novembre 2016. Queste pagine vi racconteranno la nostra esperienza con alcuni pizzaioli professionisti, descrivendo sapori e colori del nostro pomodoro e fornendovi alcuni suggerimenti dei suoi diversi impieghi in cucina e in pizzeria.

Quando l ' acquisti

Dopo essere stata prodotta, la Passata Mutti è confezionata all'interno della latta in banda stagnata. Per poter garantire la perfetta conservazione del prodotto, Mutti dedica anche nella scelta della confezione la massima cura e attenzione: le latte di Passata Mutti, infatti, sono smaltate internamente e sono prive di BPA, per conservare, inalterate, tutte le proprietà organolettiche del prodotto, e per garantirne la massima sicurezza nel suo utilizzo.

la passata mutti per i professionisti è disponibile in:

Latta da 2500 g

Imballaggio da 3 pezzi
15,5 H x 47,3 L x 16,0 P cm

CURIOSITÀ: Per via della sua consistenza vellutata e cremosa, la Passata Mutti è estremamente facile da dosare. Hai mai pensato di utilizzarla per condire le pizzette, per insaporire i rustici da forno, o addirittura per preparare delle mousse per dolci?

Quando apri la confezione

Colore, profumo, sapore e consistenza

La Passata di pomodoro Mutti è densa e cremosa. È omogenea nell’aspetto, senza frammenti di pelli e di semi. Ha un colore rosso brillante e il sapore e il profumo sono intensi, di pomodoro cotto. L'acidità naturalmente presente è superata dalla dolcezza dell'insieme.

CURIOSITÀ: Lo sapevi che per realizzare una latta di Passata di pomodoro Mutti occorrono circa 5 kg di pomodori freschi?

Quando la utilizzi

Se la utilizzi a crudo

Per via della sua consistenza vellutata ma anche per il fatto di essere leggermente salata, la Passata di pomodoro Mutti è ideale anche per preparazioni "a crudo" come ad esempio il gazpacho e le vellutate fredde.

Se la utilizzi a cotto

La Passata di pomodoro Mutti è ideale in tutte le ricette che richiedono cotture brevi come uova, carni bianche e sughi per la pasta. In pizzeria, la cottura in forno elettrico e a temperature medie consente di preservare la resa eccellente del prodotto, e di conservare inalterato il suo sapore e la sua corposità.

Quando la stendi

Per via della sua consistenza cremosa e vellutata, la Passata Mutti si presenta facile da dosare e da distribuire, in quanto ha una texture omogenea, priva di semi e bucce. È inoltre comoda da utilizzare nelle preparazioni in cui si richiedono velocità e precisione, come ad esempio la guarnizione delle pizzette e dei rustici da forno, in quanto non lascia aloni sulla pasta.

CURIOSITÀ: Per via della sua particolare dolcezza, e poiché non contiene né bucce né semi, la Passata Mutti è il prodotto ideale per soddisfare anche le esigenze dei clienti più piccoli: i bambini. Hai mai pensato di utilizzarla per preparare i piatti di un Baby menù?

Quando la impiatti

Anche dopo la cottura, la Passata Mutti presenta un aspetto invitante: il colore è rosso vivo e la texture vellutata conserva perfettamente la sua personalità.

Prova anche la

Passata Mutti

Nella nuova confezione: la Bag in Box!

Come facciamo la Passata Mutti

Ogni fase del processo produttivo si ispira ad un unico intento: preservare le proprietà naturali del pomodoro. Agiamo tramite selezioni accurate affidate a tecnologie innovative, riduciamo i tempi di trasformazione, utilizziamo trattamenti termici che lavorano il pomodoro con delicatezza.

La materia prima

La Passata Mutti è ottenuta dalla lavorazione del pomodoro tondo, caratterizzato per definizione dalla forma tondeggiante e raccolto nei campi a partire da metà luglio fino alla fine del mese di settembre.

L  ’accettazione

Attraverso un dialogo costante con gli agricoltori del territorio, vengono scelte solo le varietà più adatte a ciascun terreno, capaci di offrire il pomodoro migliore. La scelta del momento della raccolta è cruciale per preservare la bontà: appena raggiunta la sua perfetta maturazione, il pomodoro non può aspettare, ma è pronto per fare il suo ingresso in azienda.

controllo qualità

Una volta raccolti, sottoponiamo i pomodori dei nostri campi ad un attento controllo di qualità che verifichi il grado zuccherino, l’acidità, la tonalità di colore, l’eventuale presenza di macchie, terra o sassi, la natura complessiva del frutto.

ingresso in azienda

Successivamente, i pomodori scelti vengono fatti scivolare nelle vasche: qui, getti d’acqua li lavano delicatamente, li preservano nella forma. Al lavaggio, segue poi un nuovo controllo per essere certi che i pomodori selezionati siano di qualità.

riempimento delle vasche

A questo punto, i frutti sono raccolti nelle vasche di stoccaggio, pronti per essere lavorati. Durante l’attesa, vengono nuovamente immersi in acqua perché ogni impurità sia eliminata, perché il frutto non fermenti e mantenga, invece, tutta la sua naturale freschezza.

la lavorazione

Un terzo controllo da parte degli addetti ai nastri di cernita precede il processo di triturazione dei pomodori. A guidare il metodo di lavorazione resta sempre il desiderio di conservare il sapore e il colore naturale dei nostri frutti.

La trasformazione

I nostri pomodori vengono sminuzzati con l’aiuto di trituratrici a mandata verticale collocate all’ingresso di uno scambiatore di calore; in questo modo, i frutti non hanno modo di entrare in contatto con l’aria e il tempo che intercorre tra la loro frantumazione e il successivo riscaldamento è minimo. Mentre i pomodori circolano ad alta velocità all’interno dei tubi, i liquidi di riscaldamento scorrono nella camicia esterna: questa fase prende il nome di inattivazione enzimatica e viene condotta attraverso un trattamento termico di tipo Hot Break. Le temperature raggiunte in questi impianti variano tra i 105 °C e i 110 °C: si ottiene, così, l’inattivazione di pectin-metilesterasi (T > 82) e di endopoligalatturonasi (T > 100). Conclusasi questa fase, si verifica l’estrazione del succo ad opera di appositi macchinari dotati di un setaccio cilindrico con fori di varie dimensioni (in funzione del grado di raffinazione che si vuole ottenere).

Una volta estratto, il succo viene inviato agli evaporatori per la fase di concentrazione. Gli impianti di evaporazione sfruttano il principio secondo cui, in ambiente sotto-vuoto, la temperatura di evaporazione dell’acqua si abbassa. La temperatura di esercizio degli impianti varia dai 65 °C ai 75 °C. Qui, i pomodori vengono mantenuti in circolazione forzata e rilasciano i loro liquidi sotto forma di vapore acqueo sino ad arrivare al grado di concentrazione richiesto. Il trattamento di sterilizzazione viene effettuato con impianti indiretti di tipo tubo in tubo; in essi, la temperatura supera talvolta i 100 °C disinfettando il pomodoro in poco tempo.

Il confezionamento

Raffreddatasi alla temperatura di 90 °C, la Passata Mutti viene versata calda dentro la latta in banda stagnata grazie all’utilizzo di dosatrici volumetriche.

Le latte vengono riempite di passata, una colmatrice versa abbondante succo di pomodoro caldo, l'aggraffatrice chiude saldamente i coperchi e subito dopo le latte riempite sono avviate alla pastorizzazione.

La Passata Mutti è confezionata
all'interno di una latta in banda stagnata

Latta da 2500 g

Imballaggio da 3 pezzi
15,5 H x 47,3 L x 16,0 P cm